martedì 20 ottobre 2020

Passeggiata ad Ibla #16

 Prosegue la nostra passeggiata (2017) tra i vicoli iblei,

scendiamo per via Torrenuova...

(cliccate le foto per ingrandirle)

Chiesa di Santa Lucia / Santa Maria dello spasimo
 

una tipica "fiuredda" dipinta e altre scale secondarie laterali...



Monastero delle Benedettine del SS. Sacramento


L'entrata secondaria si apre su un giardino privato...
La casa natale del poeta Giambattista Marini (1807-1874) , la targa, posta nel 1900, spiega che lasciò tutti gli averi a favore della creazione di un'Istituto scolastico.
Nei pressi della Sala Pluriuso - Falcone- Borsellino
Via S. Tommaso, la galleria sbocca su Corso XXV Aprile, vicino alla Chiesa di Santa Maria Maddalena
Fregi architettonici decorativi e la fontana su Largo dei Mazzi.
Come vedete il problema dei parcheggi è lontano dall'essere risolto...

 Grazie per averci accompagnato, 
il tour continua verso i giardini o quel che ne resta...

Buon inizio settimana!
Davide e Carmela

venerdì 16 ottobre 2020

Crea 5220: Stitching - Sewing

 Salve Amici ! 

Il tema di oggi per Crea 5220 è : 

Stitching-Sewing (Ricamo-Cucito) 

Ho ricamato, negli anni , tanti capi di corredo per la casa. In lino bianco 

con ricami tradizionali, lo sfilato siciliano, rete filet a modano, con 

merletti ad uncinetto  e a ricamo classico (punto pieno,erba, raso,ecc..). 

Ho scelto , per il tema di oggi, un asciugapiatti in lino bianco naturale. 


Sul bordo in basso  ho ricamato una tessitura a fili contati. 

Il procedimento richiede molta attenzione ed è bene avere uno 

schema con il grafico del lavoro per "centrare" il ricamo. 


Ho rifinito i lati e il bordo con punto quadro a fili contati. I fiori sono 

realizzati a punto vapore, puntando sulle barrette a cordoncino. 

Le altre barrette sono realizzate a intaglio (punto festone) e a tessitura. 

Il punto a giorno a zig-zag , tra due file di punto quadro, crea un 

altro decoro sul bordo in basso. 

Il filato è n° 50 (spoletta) della Cucirini e DMC (matassa cotone n°30 ). 



 

Ringrazio le organizzatrici :

-Busy Bessy Creativa

Volete vedere come hanno interpretato questo tema 
le amiche blogger del gruppo? Questi i link :


                -  Josephine -  Céline -  Akkelien -  Toos -  Sandra -  Anita
                      -  Petra -  Loes -  Corrie
-  Albèrtje - Nel

 
Vi auguro un Sereno Weekend! 
Carmela

martedì 13 ottobre 2020

Non c'è fumo senz'arrocco - Waiting for Caissa #2

 Il secondo appuntamento con Waiting for Caissa vede un elemento estraneo agli scacchi decidere le sorti della partita... il fuoco...

Due Grandi Maestri, Donner e Keene, si affrontano in un match ad armi pari, rapiti dal gioco non si avvedono della minaccia che cova a bordo campo...

Fonte: WikiArt , Max Oppenheimer, Giocatori di scacchi, 1916.
[ PATTA PER INCENDIO, tratta da : Le Due Torri - tutto per gli scacchi, Page Fb, 19 Giu 2020.

Nel 1973, durante un match Inghilterra-Paesi Bassi, il fumatore seriale Jan Donner (1927-1988) stava riempiendo di cicche di sigarette un grande posacenere di bachelite.
Una sigaretta dopo l’altra, nel posacenere si era formata una vera e propria montagna di cenere e mozziconi, di cui gran parte emetteva ancora fumo.
Alla fine, dopo diverse ore di gioco e diversi pacchetti di sigarette, la montagna di cenere e i mozziconi presero fuoco, causando la rottura del posacenere.
I giocatori erano ancora concentrati sulla posizione della loro partita mentre il tavolo iniziava a bruciare, e nessuno dei due giocatori sembrava in procinto di fare qualcosa per arrestare il fuoco.
A questo punto, Ray Keene prese la tazza di caffè di Donner e ne versò il contenuto sul fuoco.
Con il tavolo e la scacchiera scacchi ormai ridotti in condizioni disastrose, i giocatori si guardarono e si strinsero la mano, concordando la patta, prima di lasciare rapidamente il tavolo. ]
 

da: Le Due Torri, Page Fb , J.H. Donner (a destra)

 Di seguito una partita tra J. Donner e R. Keene
365chess.com
R. Keene OBE, foto by Chessgames.com

 qui trovate una video intervista al GMI Donner nel 1979, (non tradotta)
Qui una recente biografia su Donner (testo in inglese)
 
 Qui un interessante volume scritto dal GM inglese R. Keene
 ------------------------------------

 
Di seguito la mia consueta partitella, giocata a settembre contro Stockfish liv.3 (1400 Elo) 1-0 , tra parentesi trovate le correzioni suggerite dal motore scacchistico in fase di analisi. 
Dvoretsky le avrebbe chiamate "tragicommedie"... 
 
Patterns alla 10a e 20a mossa

1) e4, d5 2)exd5, Cf6 3)Cc3?! [In. 3)Cf3, Cxd5 4)d4] 3)...Cxd5 4)Cxd5, c6?? [Bl.Dxd5 5)d4, e5] 5)Cxe7?? [Bl. 5)Cc3] 5)...Axe7 6)De2? [Mis. 6)Cf3, 0-0 7)d4] 6)...0-0 7)d3, Ah4?! [In. 7)...Af6 8)c3,Te8] 8)g3?? [Bl. 8)c3, Te8] 8)... Af6 9)Ae3?? [Bl. 9)c3, Da5 10)Ag2] 9)... Axb2 10)Tb1, Ag6?? [Bl. 10)...Da5+ 11)Ad2] 11)Cf3? [Mis. 11)Ag2, Da5+ 12)Ad2] 11)...Ca6?? [Bl.11)...Ac3+] 12)Ag2, Te8?! [In. 12)...Ac3+ 13)Cd2, Cb4] 13)0-0, Dd7?! [In.13)...Cc7 14)Dd2] 14)d4, Cc7 15)c3? [Mis. 15)c4, b6] 15)...h6? [Mis. 15)...Cd5 16)Dd3, Dg4] 16)Ce5?! [In. 16)c4, Df5 17)h3] 16)...Axe5 17)dxe5, De6?! [In. 17)...Txe5] 18)Ad4?! [In. 18)f4,b6] 18)...Cb5 19)a4, Ca3? [Mis. 19)...Cxd4] 20)Ta1, Cc4.

Patterns alla 30a, 40a e 48a e ultima mossa
21)a5?! [In. 21)f4, f5 22)a5] 21)... Cxe5 22)Axe5? [Mis. 22)Tfe1, Cg6] 22)...Dxe5 23)Dxe5, Txe5 24)a6, b6 25)c4?? [Bl. 25)Axc6, Tb8] 25)...Te6?? [Bl. 25)...Tc5] 26)c5? [Mis. 26)Tfd1, g6 27)Td8+] 26)...b5 27)Tfd1, f5 28)Td8+, Rh7?? [Bl. 28)...Rf7 29)Af3] 29)Ah3?? [Bl. 29)Tad1] 29)...Te2?? [Bl. 29)...Te5 30)Tc1] 30)Axf5+?? [Bl.30)Txc8] 30)...Axf5 31)Txa8, Tc2?? [Bl. 31)...b4 32)g4, Ad3] 32)Txa7, Rg6 33)Tc7,b4?! [Ch. 33)...Te2 34)a7, Te8] 34)a7,Tc1+?! [Ch.34)...Rf6 35)a8=D] 35)Txc1, Ae6 36)a8=D, Ag4 37)Txc6+, Rh5 38)Td6, Rg5 39)Dd5+, Af5 40)Dd2+, Rh5 41)Dd4, g5 42)Df6, Ac8 43)Dxh6+, Rg4 44)Tc4+, Rf3 45)Dh5+, g4 46)Dd5+, Re2 47)De5+, Rf3 48)Td3#. 1-0
---------------

Il problema di ottobre, matto elementare,
(ho aggiornato il post #1 con la soluzione del problema precedente,
avete un mese circa per risolverlo, ma agli scacchisti bastano pochi minuti... o secondi! o_0) (dal libro di J.Nunn)
T.Horvath - Vesin , Geneva 2003, 1-0
Back rank mates, muove il bianco...

PS. In inglese l'arrocco è tradotto castling , mi spiace che per gli amici all'estero il titolo del post perde significato e quel sottile humor legato al proverbio da cui deriva.

Grazie!! Alla prossima..., si prospettano scenari caraibici... ;)

Davide

domenica 11 ottobre 2020

Piccolo Sampler Pavoni

 Buona Domenica! 

Ho completato un piccolo Sampler...

Lo schema è tratto da una raccolta di punto croce . 
Ho ricamato sulla stessa stoffa ,misto cotone color rosa antico, 
e con gli stessi colori moulinè DMC , di un altro piccolo sampler, 
che trovate nel link . 
 
Mi piace ricamare questi semplici motivi nei piccoli "spazi", durante 
il giorno. 
 
Ho notato che avanza ancora un pò di stoffa...magari proverò a 
ricamare un piccolo puntaspilli.
 
 
 
Foto by Pinterest

Vi Auguro una Serena Domenica! 

Carmela
 

venerdì 9 ottobre 2020

Crea 5220: Book Title

 Buona Giornata Amici! 

Il tema che sviluppiamo oggi per Crea 5220 è : 

" Book title" 

Ho sorriso al ricordo del libro che avevo scelto per questo tema. 

Si tratta del primo libro che mi è stato regalato, e il suo titolo 

mi ricorderà sempre la mia cara Maestra Amelia. 

In classe, alle elementari, eravamo circa 30 bambine. La 

Maestra ci seguiva per tutti i cinque anni e svolgeva da sola, 

il programma di tutte le materie. In terza elementare, negli 

anni 1974/75 , la Maestra ci donò questo libro con la sua 

dedica...

Il libro, scritto da Edmondo De Amicis (1846-1908) , viene 

pubblicato per la prima volta nel 1886 e vendette quarantamila 

copie solo nell' anno della sua pubblicazione. Il romanzo, che ha 

come protagonisti gli alunni di una Scuola Elementare, ha un 

chiaro intento pedagogico. L'altruismo, il coraggio, l'empatia, i 

valori legati alle problematiche della vita sociale. ( Il periodo è 

quello successivo al Risorgimento e all'Unità d'Italia). 

Un diario, un epistolario ma anche un romanzo. Il protagonista, 

Enrico Bottini , frequenta una Scuola a Torino, scrive questo diario 

per il padre. A questi capitoli si aggiungono nove racconti che fanno 

da spunto per veicolare valori morali, dedizione, senso del dovere, 

rispetto per l'autorità e la famiglia... Garrone, Derossi, Franti, Stardi, 

Nelli e il maestro Perboni rimasero nella nostra memoria...

 


 Sorridete...Non è la classe del libro..Eheh!! 

Un caro ricordo della mia Maestra Amelia e di noi bambine 

in grembiulino nero e fiocchetto bianco ... sono la prima 

in alto a destra, i lunghi capelli raccolti a coda...

Ringrazio le organizzatrici :

-Busy Bessy Creativa

Volete vedere come hanno interpretato questo tema 
le amiche blogger del gruppo? Questi i link :


                -  Josephine -  Céline -  Akkelien -  Toos -  Sandra -  Anita
                      -  Petra -  Loes -  Corrie
-  Albèrtje - Nel

 Annet

 

 Vi  Auguro un Sereno Weekend ! 

Carmela

martedì 6 ottobre 2020

Da "Ispirazioninfiera" : #LostArt 14 Natività con i Santi Lorenzo e Francesco D'Assisi

 Siamo giunti all'ultimo appuntamento con la riproposizione dei post #LostArt ospitati (2017) su "Ispirazioninfiera"( Facebook ) .

 Osservando la tela ci avvolge un clima prenatalizio, purtroppo il dipinto del Caravaggio è stato molti anni fa trafugato...

#LostArt   14a e ultima puntata. – Natività con i Santi Lorenzo e Francesco d’Assisi .

Natività con i Santi Lorenzo e Francesco d'Assisi è un dipinto a olio su tela realizzato dal pittore italiano Caravaggio.

Fu trafugato la notte tra il 17 e il 18 ottobre 1969 dall'Oratorio di San Lorenzo a Palermo e non è stato mai più recuperato.

La “Natività”, il cui valore di mercato si aggirerebbe oggi intorno ai 30 milioni di euro, è inserita nella lista dei dieci capolavori più ricercati dalle polizie di tutto il mondo.

 La tela, di cm 268 x 197, racconta la nascita di Cristo, traducendo un realismo autentico che rende l'episodio "vero". I santi, le madonne del Caravaggio hanno le fattezze degli emarginati, dei poveri che egli bene aveva conosciuto durante il suo peregrinare e fuggire in lungo e in largo per l'Italia.

Nella “Natività” palermitana ogni personaggio è colto in un atteggiamento spontaneo: San Giuseppe ci volge le spalle ed è avvolto in uno strano manto verde. Sicuramente molto giovane rispetto all'iconografia tradizionale, dialoga con un personaggio che si trova dietro la figura di San Francesco d'Assisi, che alcuni critici pensano possa essere fra' Leone. La presenza di San Francesco è sicuramente un tributo all'Oratorio, che all'epoca era passato alla Venerabile Compagnia a lui devota costituitasi già nel 1564. La figura a sinistra è San Lorenzo.

La Madonna, qui con le sembianze di una donna comune, ha un aspetto estremamente malinconico, e forse già presagisce il destino del figlio, posto sopra un piccolo giaciglio di paglia. La testa del bue è chiaramente visibile, mentre l'asino si intravede appena. Proprio sopra il Bambino vi è infine un angelo planante, simbolo della gloria divina. Ciò che conferisce particolare drammaticità all'evento è il gioco di colori e luci che caratterizzano questa fase creativa del pittore.

“Ne la natività ritrovato ho lo meo verde, lo meo bel rutilante verde”.

Questa frase, tratta dal libro di Camilleri, “Il colore del sole”, meglio di altre descrive la distensione del Caravaggio, la breve tranquillità ritrovata durante la professata sosta in Sicilia e si riferisce proprio al verde manto di Giuseppe di questa "natività".

La tela fu commissionata espressamente per celebrare di culto di san Lorenzo e di san Francesco, e collocata nell'oratorio di San Lorenzo a Palermo, posta sull'altare maggiore.

Grazie a un restauro effettuato nel 1951, era in condizioni di conservazione pressoché perfette.

Nella notte tra il 17 e il 18 ottobre 1969 l'opera venne trafugata dall'oratorio, nella totale assenza di misure di sicurezza. Il furto viene scoperto verso le tre del pomeriggio del 18 da una custode. Del furto, molto probabilmente commissionato dalla mafia siciliana, parleranno in tanti (l'accadimento fornì a Leonardo Sciascia lo spunto per il suo ultimo racconto, Una storia semplice).

Il 5 e 6 marzo 2016 al Teatro Massimo di Palermo si è tenuta una manifestazione in ricordo dell'evento con un concerto di Giovanni Sollima e le foto di Letizia Battaglia.

https://it.wikipedia.org/wiki/Nativit%C3%A0_con_i_santi_Lorenzo_e_Francesco_d%27Assisi

https://it.wikipedia.org/wiki/Caravaggio

https://it.wikipedia.org/wiki/Oratorio_di_San_Lorenzo_(Palermo)

-----------------------------------------------------
 
Un ringraziamento ai lettori di questa serie di post e in special modo a Federica e Barbara, Admin di Ispirazioninfiera, con cui ho collaborato.
 
       ---------------------------------------------------

A presto con nuovi post!!
Venerdì con Crea 5220 : Book Title

Davide

domenica 4 ottobre 2020

Sal Stitch A Long: Stripes #10

 Buona Domenica ! 

Sono già trascorse tre settimane ?...Il nostro incontro con 

le Amiche del Sal Stitch A Long , organizzato dalla bravissima Avis, 

         ci vede impegnate con i nostri ricami a punto croce. 

Il mio sampler nell'ultimo appuntamento...

Avevo ricamato l'ultimo angolo in alto a destra. 
 
Il mio progresso fino ad oggi. Ho ricamato le prime due 
strisce in basso a destra...Potete vedere dallo schema in basso 
l'intero Sampler. Probabilmente continuerò a ricamare sulla 
zona centrale...

Volete vedere a cosa stanno lavorando le Amiche del Sal?
I loro Blog sono una bellissima fonte di ispirazione!
Vi invito a visitarli, tenendo conto del fuso orario, visto
che viviamo in continenti diversi!

 

 

 Serena Domenica and Happy Stitching !! 

Carmela