domenica 17 giugno 2018

Benvenute piccole tartarughe!

Ciao!!
 Care amiche ed amici, come vi avevamo accennato nel post precedente,
 il mese di giugno ha portato alcune sorprese...
Vi presentiamo Fanny e Timmy (spieghiamo in seguito il perchè dei nomi)
sono due tartarughe d'acqua, 
che abbiamo trovato abbandonate sul marciapiede, in centro città.
Sono con noi da una settimana circa,  in "osservazione" per il loro stato di salute.
 Vi racconto un pò com'è andato il ritrovamento...
Ero uscito di mattina per ritirare del materiale prenotato, camminando
mi accorgo che sul marciapiede era posta una "padellina" quelle con le palmette di plastica,
(assolutamente non adatta al mantenimento, spiego nel post i motivi)
la raggiungo e noto che in mezzo alla brodaglia tipo palude (color del guscio) annaspa
Fanny (grande 5,5cm) (Trachemys scripta scripta), poveriiinaaa!!
Cerco di fare notare la situazione ai passanti, ma nulla, solo indifferenza...
forse non importa neache di me...
Beh! Do uno sguardo attraverso la finestrella all'interno maleodorante e scorgo
che ...sono due!! Il piccolo Timmy (3,5cm)(Graptemys ouachitensis)
 si era mimetizzato in quel brodo... ri-poveriinoo!! ;)
(mi domando, ma quanto tempo c'è voluto perchè l'acqua assumesse quella consistenza?)
Sbrigo più rapidamente possibile la commissione, dando nel frattempo la possibilità
a qualcun altro di "adottarle", conoscendo a larghi tratti la mole di cure che richiedono.

"Il primo Giugno avevo raccolto un gattino marrone di circa un mese,
era magrissimo, accasciato su degli scalini, stava sul palmo di una mano...
 aveva una grossa escrescenza sul torace, forse qualche malformazione interna.
Purtroppo sabato 2 era tutto chiuso, a casa dopo il bagnetto, l'antiparassitario e la pappa,
si era accucciato al calduccio, il 4 mattina saremmo andati dal veterinario per consiglio.
foto dal web
Ma la mattina del 3, alle 7:15 una crisi rapida l'ha ucciso, tra le mie mani...
ho tentato di farlo respirare... niente...l'ho stretto a me, e siamo rimasti così per un pò."

Capite adesso perchè non desideravamo altri dispiaceri...

Tornando verso casa, le ritrovo ancora li, il sole sta quasi per raggiungerle,
immaginate chiuse nella plastica in pieno sole caliente del sud?
Era destino...
Le raccolgo e scarico nel primo tombino quella brodaglia verde...
poi dritto a casa per il "pit-stop". ;)
Vi piacciono? Non sono carine?
 Sono due giocherellone! Hanno un appetito straordinario!!
(lo noterete dal video!)
A casa, avevo già una vasca rettangolare che li ospiterà in questo periodo di "quarantena",
avevo, guarda caso, donate da un amico, anche i gamberetti liofilizzati di cui vanno ghiotte...
che coincidenza!!  ;)
Dopo aver disinfettato la mia vasca, bollito le pietre di arredo per uccidere i batteri essendo in marmo naturale (e lasciate freddare), trasferisco le tarta con cautela...
 Inzio così a raccogliere info dettagliate dal web sul necessario al mantenimento:
Cosa mangiano? Temperatura dell'acqua? Habitat di crescita? Nome scientifico?
Necessitano della certificazione CITES? (No... apprendo, sono ahimè! Di libera vendita,
a differenza delle Trachemys elegans, quelle dalle orecchie rosse)

Fanny
 [Dovete sapere che una trentina d'anni fa, come molti bambini,
ho acquistato una coppia di Trachemys dalle guance rosse,(adesso la vendita è vietata)
la gestione si è rivelata un incubo, ci siamo affidati al venditore per i consigli,
libri specializzati,... internet non esisteva..., si conosceva molto poco...
insomma sono andate in letargo senza le necessarie energie accumulate
e non hanno superato l'inverno..., da allora, non ne ho più avute...]

Scrivo di seguito le info che ho recuperato da vari video e articoli sulle tartarughe d'acqua.
Per un parere ufficiale però chiedete ad un veterinario! Saprà valutare meglio lo stato di salute della vostra tartaruga.

Alimentazione: Da piccole prettamente carnivore, (pesce, molluschi, uova, pollo...).
Crescendo le Trachemys diventano onnivore, (preferite verdure ricche di calcio).
 Si può dare poche volte al mese della frutta come:
banane, fragole, albicocche, melone (non troppa perchè fermenta, e la digestione è lenta).
Bisogna fare attenzione alle quantità di cibo: 1/7 del peso o circa il volume della testolina.
Mangiano tutti i giorni fino ai 4-5 anni , poi 2-3 volte a settimana, da ridurre gradualmente in previsione del letargo. Evitare il letargo se la tarta è piccola, con poche riserve di nutrienti.
I gammarus liofilizzati, sono carenti in vitamine, adesso si trovano in commercio dei pellettati
come integratori, oppure vitamine in gocce a discrezione del vet. (da non distribuire in acqua).
Tenete a disposizione un'osso di seppia, fonte di calcio.

Carattere: Le Trachemys, (elegans o scripta scripta) originarie della Florida, sono molto attive, quasi "prepotenti" verso altre specie di tartarughe (eccetto verso le azzannatrici), 
crescono fino a raggiungere i 28-30 cm, in 20-30anni.
Le Graptemys, originarie del Nord America, sono molto timide, fuggono al riparo al primo gesto sospetto o piccolo rumore, schive, crescono per molti anni fino ai 15-20 cm.
Le tartarughe non soffrono la solitudine, anzi mordono o intimoriscono le tarta di dimensioni minori, a volte causandone la morte. (dovrò forse separarle, ho notato atteggiamenti di "bullismo" da parte di Fanny, porta le zampe anteriori in avanti in faccia a Timmy e inizia a vibrarle,
sono atteggiamenti prevaricatori e territoriali.)
Depongono le uova sotto la sabbia della riva, come quelle marine, un accoppiamento può dare uova fertili per i prossimi 3-4anni. Le uova meglio metterle in incubatrice,
 non devono essere capovolte (pena la morte dell'embrione) 
segnate la parte alta con una matita (non col pennarello),
la temperatura determinerà il sesso dei nuovi nati, sopra i 29°C saranno femmine.

Habitat : Se non avete un laghetto, dove l'acqua non ghiaccia in inverno, prevedete un acqua-terrario dalle dimensioni adeguate. La profondità dell'acqua dev'essere circa il doppio del carapace (guscio), sciogliete qualche granello di sale grosso nei cambi d'acqua.
Non mettere piante ornamentali perchè le mangiano e possono avere effetti tossici, usate solo arredi realizzati in plastica alimentare, non inserite in acqua sassi colorati.
Obbligatoria una zona asciutta di basking, dove prenderanno il sole i cui raggi UV- A-B, fisseranno il calcio con l'aiuto della vitamina D. Se le tenete sempre all'interno usate una lampada per rettili che produce raggi UVB artificiali (tenuta accesa 10-12ore). 
Più una lampada spot per riscaldare.
Importante! I raggi UV vengono schermati dalla plastica o dal vetro, (ricordate la padella con le palme) i raggi devono essere diretti, altrimenti si avrà una decalcificazione generale e soprattutto del carapace (che si presenterà sottile e molle) con esiti spesso irreversibili e nefasti per l'animale.
Temperatura dell'acqua: 20°C- 24°C, ambiente, mai sopra i 38°C. 
Usate un riscaldatore per l'acqua apposito da parete o a tappetino.
Se avete un acquario, dimensionate il sistema di filtraggio dell'acqua con una capacità superiore a quelle reali perchè le tarta sporcano molto l'acqua.
Noterete la formazione di una mucillagine sul loro carapace e sulla pelle, passate una volta a settimana, con un cotton fiock, dell'aceto bianco per rimuoverla e riattivare la flora del guscio.
Passate dopo il trattamento, dell'olio di mandorla sul carapace. Evitate il contatto dell'aceto sugli occhi o nel naso della tarta, per ovvi motivi, siate delicati nei movimenti, non fatela cadere a terra.

Rischi Sanitari: Possono essere portatrici della salmonella e trasmetterla all'uomo.
Maneggiare con i guanti le tarta e gli arredi durante la pulizia. Specialmente se non provengono da negozi, chi ha un sistema immunitario indebolito può demandare ad altri queste operazioni.
Essere coscienti di cosa si maneggia, non toccarsi mai la bocca o gli occhi con i guanti sporchi
(l'odore pungente può distrattamente far portare le mani al volto, trattenetevi!).
Lavarsi accuratamente sempre le mani con presidi-medici 
dopo averle maneggiate direttamente o indirettamente. 



 foto in basso, la Fanny col pranzo a base di merluzzo tritato...
 Postiamo sul nostro canale Youtube, un video amatoriale girato ieri, 
durante il loro "spuntino" a base di pesce...

La Fanny ha una fame tremenda... mentre sistemavo un sasso mi ha addentato il pollicione...
per fortuna la mia dura pellaccia ha resistito!
Se fosse stata una tarta adulta (circa 30cm) mi chiamereste Dave-quattrodita... ;)
Timmy, invece è un timidone... (un carattere tipico della sua specie, leggevo).

I loro nomi derivano dai due personaggi, Faina e il Timido, che tutti ricorderete
Due abili aiutanti scansonati ma pratici, anche loro all'arrivo si son gettati in acqua... eheh!!
Rispecchiano inoltre perfettamente il carattere di killers di queste bestiole... ;) :)

Timmy
Ma chi li ha acquistati avrà notato almeno che appartengono a due specie differenti?
Cos'ha questa gente? La visione semplificata a 16 bit come il video dei DireStraits...
"Sono verdi, le zampe ci sono, testa , coda... è tutto a posto!!" :(
Capite?
è necessaria consapevolezza!!
A specie diverse corrispondono differenti caratteristiche di allevamento...

Leggevo che ogni anno vengono importati dall'America o dall'Asia, circa 900mila esemplari,
l'abbandono o il rilascio in natura è purtroppo un metodo comune, ma vietato.
Le poverine, oltre ad entrare in competizione con le delicate tarta europee
difficilmente sopravvivono ai rigori del primo inverno. Il mantenimento è molto complicato,
col tempo possono necessitare di interventi chirurgici per calcoli o ascessi.
 Se non avete le strutture adatte, tempo da dedicare, capacità nel manipolarle
non le acquistate!! Non sono giocattoli!! Soffrono come noi.
Vi lasciamo con queste tarta-perle di saggezza dal web...

 Buona domenica!!
Davide e Carmela
Janis, Gilbert&George, Achy&Patry, Fanny&Timmy... ;) :)

12 commenti:

  1. Cara Carmela, ma quanto carine sono queste tartarughe, io mi domando come si fa ad abbandonare questi poveri animaletti!!!
    Ciao e buona domenica com un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Carissimi il vostro cuore è grande ....bello il video visto ieri su Youtube . Belle le foto e le vs utili info x chi volesse accudirle.
    Vi abbraccio

    RispondiElimina
  3. Non capisco davvero come facciano a lasciare di tutto in strada ....manca educazione rispetto amore ....ne ho avuta una anch'io piccolina verde era carinissima e particolarmente vorace mangiava di tutto ghiotta di pollo... frutta anche il cocomero naturalmente un piccolo bocconcino ... avesse avuto la bocca più larga avrebbe mangiato anche il mio dito ci provava spesso ....non ricordo ora quanto tempo siamo riusciti a tenerla poi si è ammalata gli erano venute delle croste biancastre sugli occhi sembrava non riuscisse più ad aprirli... poi è morta... poverina ma col senno di ora non la riprenderei ...ho il terrore di malattie trasmesse da piccoli amici ... ne vengono già abbastanza anche senza inutile complicarci la vita ....però credo mi capitasse un caso come il vostro ... me le porterei a casa anch'io ... buona domenica carissimi

    RispondiElimina
  4. Disgraziato chi le ha buttate così ma fortunatissime loro due ad aver incontrato la persona giusta :)
    Siete incredibili ragazzi! Bacio!

    RispondiElimina
  5. Proprio persone come voi dovevano trovarle, avete veramente un cuore grande. Grazie per tutte le informazioni che avete scritto. Buon inizio settimana.

    RispondiElimina
  6. Un post molto interessante cari amici voi siete straordinarie persone dal cuore immenso un abbraccio e buona settimana!

    RispondiElimina
  7. Voi siete veramente incredibili e di una generosità poco comune. Bravissimi!
    La gente, si sa, è senza cervello, non mi stupisco più di nulla!

    RispondiElimina
  8. Ma come si fa ad abbandonare così, se ci si rende conto che le bestioline sono impegnative basta lasciare qualche annuncio al supermercato, dal veterinario, al bar, un passaparola e la bestiolina sicuramente non rimane senza casa....molti anni fa in questo modo ho trovato gattini, ai quali ho comunque trovato nuova casa e a mia volta adottato sia gattini che cagnolini. Bravissimi ad averle adottate, e soprattutto bravi ad esservi documentati; non sapevo fossero così impegnative...
    Un abbraccio
    MGrazia

    RispondiElimina
  9. Ma che belle che sono Davide. Come si fa ad abbandonare qualsiasi creatura così?
    Sono capitate nella famiglia giusta.
    Io non ho mai avuto tartarughe d'acqua ma ne ho avute tante di terra. Splendide creature che sembrano poco comunicative ma che, invece, sanno dare molto.
    Un abbraccio e grazie per le info
    Maria

    RispondiElimina
  10. ciao a voi ed al vs simpatico mini zoo di casa!!!
    vi ringrazio x aver partecipato ancora una volta alla foto sfida:
    CLICCA QUI
    e buon week end!

    RispondiElimina
  11. Ciao mi spiace per il micetto.....Che crudeltà abbandonare le tartarughe, la gente tratta gli animali come cose , che brutto. Meno male che hanno incontrato voi. Vi ho taggato per un tag https://haylin-robbyroby.blogspot.com/2018/06/tag-le-mie-estati-del-passato.html

    RispondiElimina
  12. Grazie per i vostri commenti!! Dopo un mese le tartarughe sono cresciute vistosamente... scriveremo gli aggiornamenti in post futuri. Un saluto affettuoso!!
    Davide e Carmela

    RispondiElimina