lunedì 20 luglio 2015

Un cardellino... non fa primavera...

Ecco le piccole novità che vi avevamo anticipato nel post precedente...
Tutto inizia domenica 21 Giugno, quando a seguito di strani cinguettii, scopriamo
un nido appena terminato nella parte alta della nostra Campsis radicans o Bignonia selvatica
che coltiviamo in vaso da alcuni anni... . Nei giorni seguenti troviamo 4 uova di cardellino
( Carduelis carduelis ) ... ci organizziamo subito per non disturbarli...
 (cliccate sulle foto per ingrandirle)
Campsis radicans - foto dal web
 Non siamo riusciti a fotografare gli adulti, perchè sono tanto sfuggenti e poi non volevamo disturbarli...  (Qui) il loro impareggiabile canto...
Cardellino - foto dal web
 I giorni passano veloci dal 22 Giugno, quando inizia la cova, si arriva al 3 Luglio
con la schiusa delle uova...
 Quattro piccoli implumi fanno capolino dal nido, ancora con gli occhietti chiusi...
 Ogni giorno che passa fanno progressi, imbeccati dai genitori...
(scusate per la qualità delle foto ma il posto era un pò "fuori mano" e il sole oscurava il monitor,
praticamente scattavo alla cieca... eheheh!! ;) )
 Iniziano ad intravedersi le prime piume gli occhi ancora chiusi e il caldo si fa sentire...
 Avevano a disposizione acqua pulita e granaglie, ma i genitori non ne approfittavano
e continuavano a nutrirli per conto loro..., iniziano ad aprire gli occhi...
 Reclamano il cibo a gran voce quando percepiscono la vicinanza dei genitori

 Passati altri 10 giorni circa, si vedono le prime piume gialle, il nido inizia a diventare piccolo...
 Queste sono le ultime foto (giovedì 16 luglio) scattate da lontano perchè i piccoli
erano molto attivi e vedendomi si sarebbero spaventati...
 Epilogo
Sabato 18,  verso mezzogiorno, fuori tutto tranquillo, sentiamo uno strano svolazzìo,
andiamo a controllare e i piccoli erano spariti, subito dopo guardiamo in strada
e recuperiamo i due più piccoli, gli altri due più grandi saranno riusciti a volare
insieme agli adulti perchè controllando anche più lontano non ve ne era traccia...

Li rimettiamo nel nido speranzosi del ritorno degli adulti, dopo qualche ora
in pieno caldo i piccoli balzano di nuovo giù, e li recuperiamo prontamente
in mezzo alle auto per la seconda volta, dei genitori ancora nessuna traccia...

Li sistemiamo fuori in un contenitore all'ombra, con acqua e semini triturati,
li vaporizziamo un pò con acqua per rinfrescarli...loro chiamano insistentemente...

Attendiamo per tutto il pomeriggio, controllando spesso e cambiamo "l'arredamento"
per la notte... le temperature sono sempre alte..., durante la notte il piccolo
non ce la fa, e nonostante l'acqua con contagocce e piccole dosi di semini
triturati, anche il grandicello ci lascia a mezzogiorno di domenica 19 Luglio...
 La natura è imprevedibile...
 , siamo in parte speranzosi per i due più grandi volati insieme agli adulti ...
ovviamente rattristati per i due rimasti...,  sempre tra sabato e domenica abbiamo
fatto volare altri tre rondóni adulti che erano caduti sulle vie della città...
È stato bello vederli veleggiare di nuovo nel cielo...
l'estate è anche questa...
Foto dal web
(P.S. Guardando su G Immagini, in merito ai cardellini, volevamo Augurare
ai bracconieri e a chi lucra su specie selvatiche, di cadere nelle trappole
che tende la vita..., sarebbe solo un pareggio, perchè non so di cardellini o altri selvatici
organizzati contro gli umani... scusate lo sfogo, viste le difficoltà che incontrano...
lasciateli liberi!!!...<@%%§ ).

a presto... Buona settimana!!!

20 commenti:

  1. Poverini, purtroppo la natura è così... speriamo che gli altri siano felici nel cielo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lisa!! Da altre esperienze con i cardellini, gli adulti sono sempre tornati al nido..., crediamo che i due pulcini più grandi siano riusciti a seguirli, altrimenti avremmo sentito i loro richiami... . In questo mese ci siamo un pò sacrificati per metterli nelle migliori condizioni..., forse con qualche altro giorno in più e con meno caldo..., (in questi giorni si sono registrati più di 40°C...), pazienza!! Vogliamo pensarla come te!! ;) :)
      Grazie!! Buon pomeriggio!!
      Davide e Carmela

      Elimina
  2. Quanto sono belli e complimenti per il vostro impegno. un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sabrina!! È vero... sono dolcissimi!! ... indifesi e molto diffidenti..., è stata un'impresa dare l'acqua alle piante senza recargli disturbo..., purtroppo questo caldo opprimente ha complicato tutto..., Grazie!!! Un abbraccio anche a te!!
      Carmela e Davide

      Elimina
  3. da ragazzo mi sono trovato spesso a fare da balia a cardellini, fringuelli, verdoni, che non riuscendo a volare venivano abbandonati ( li trovavo per terra e nessun segno di presenza di genitori). usavo dare un pastoncino fatto con mandorle e semi di scagliola masticati li imbeccavo con una spatolina toccando il becco. le prime volte sono restii ma insistendo si abituano ed appena prendono la prima imbeccata sono loro a "ciucciarsi la paletta" poi beccano direttamente il pastoncino sulle punta delle dita. se ti ricapita prova a fare così..ci vuole tanta pazienza ma ti da una grande soddisfazione. oggi so che si vende in bustina un composto per il pastoncino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Nicola!! Che piacere leggerti!! Grazie per i consigli!! Avevo provato delicatamente ad imbeccarli , ma loro non collaboravano e per il grandicello è successo tutto rapidamente, saranno stati sopraffatti dal caldo e dalle emozioni...,negli anni '90 mi è stata data una coppia di uccellini che sono vissuti circa 12anni,(il proprietario non poteva più accudirli, non mi piace favorire il mercato degli uccellini in gabbia...), quanti ricordi..., mettevo verdura e frutta fresca, usavo il pastoncino colorante ma anche quello più "naturale", a volte un tuorlo d'uovo sbriciolato, ormai mangiavano dalle mie mani..., poi era una gioia vederli fare il bagnetto..., Grazie ancora!!! Spero la prossima volta in genitori più responsabili!!
      Un caro saluto!!! Buona estate!!!!
      Davide e Carmela

      Elimina
  4. che meraviglia.....siete stati bravissimi e approvo in pieno ciò che avete scritto e per quel che mi riguarda non dovete assolutamente scusarvi....io la penso come voi!!!
    mi spiace per le perdite ....ma voi siete stati grandi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Magalì!!! È stata una bella emozione scoprire che stavano nidificando sul nostro balcone, anche se questo ha significato non poterlo usare per diverse settimane..., certo non immaginavamo il completo disinteresse dei genitori per i piccoli rimasti..., vi ringraziamo per l'empatia dimostrata, qui purtroppo la maggior parte della gente, si interessa dei pennuti solo quando raggiungono la "misura girarrosto" ... ;) :)... , speriamo in meglio la prossima volta!!
      Un abbraccio!! Buona giornata!!!
      Davide e Carmela

      Elimina
  5. Bravissimi amici penso come voi che la natura e' meravigliosa. spero che i piccoli ce l'abbiano fatta! Complimenti e un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Susanna!!! Pensiamo anche noi che i due più grandi e vispi siano riusciti a seguire gli adulti, abbiamo cercato molto attentamente nei dintorni, senza risultato..., è vero, la natura è meravigliosa ed in larga parte incomprensibile... . Grazie!!! Una Buonissima estate e carezzine alla Lucy!!
      Carmela e Davide

      Elimina
  6. Ciao che storia dolcissima...e che amore avete avuto per i due piccoli sfortunati!!Probabilmente vuoi la natura vuoi la mamma sapeva che era ora di partire e sapeva che due piccoli li avrebbe persi forse erano deboli!!Io non posso vedere gli uccellini in gabbia come del resto tutti gli animali in gabbia...e se a casa nostra a volte mio papà trovava qualche merlo o fagiano io...li liberavo!!Beh ho le galline in pollaio...ma le libero spesso!!Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gabriella!!! E sì!! Hai ragione... probabilmente c'era qualcosa che non andava..., non visitiamo la sagra di paese anche per la presenza di stand con gabbie (affollatissime) di pappagalli, canarini, ecc.( si vedono scene strazianti..., la gente cerca uccellini colorati e poco importa se divide una coppia già formata...). Anche noi sin da piccoli liberavamo i vari animaletti
      ( anche le chiocciole, ma questo è un altro post... eheh!!!) Beh!! Per le galline, la gabbia può rivelarsi anche una protezione dai predatori, le tue sono fortunate ad avere uno spazio verde dove razzolare tranquillamente, qui da noi ci sono allevamenti industriali con gabbie
      i cui risultati sono spesso "discutibili", mi aspetto di trovare prima o poi un uovo con la linea mediana di giuntura (come uno stampo) ;)..., nel nostro minimo a volte possiamo intervenire sulla sorte/qualità di vita dei nostri piccoli amici..., Grazie della tua esperienza!! Buona serata!!!
      Davide e Carmela

      Elimina
  7. suppongo che erano malati, tarati...o nati in ritardo sulla nidiata.succede con le tortore e i colombi( per esperienza anche attuale). i figli nati con ritardo difficilmente sopravvivono sono malandati, non crescono bene e sopravvivono raramente. forse dipende dal fatto che appena nascono si nutrono di una specie di yogurt secreto dal gozzo dei genitori "latte dei colombi"..che sparisce dopo alcuni giorni. buona estate anche a voi.
    nicola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nicola!! È vero!! Sicuramente i genitori avvertono quando c'è qualcosa che non va, ricordiamo con piacere i tuoi bellissimi colombi!! Sono volatili molto adattabili e fedeli...,
      puntano sulla quantità per sopperire a queste mancanze..., nel primo periodo i genitori sono difficilmente sostituibili..., Grazie ancora!! Buona serata!!
      Davide e Carmela

      Elimina
  8. Grazie per questa condivisione carissimi Carmela e Davide.
    Speriamo che gli altri ora volino felici con i genitori!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo fiduciosi per la tua opzione!! Anche se il paesaggio è urbanizzato, allontanandosi di pochi kilometri troveranno i campi dove crescere...,ci piace condividere non solo lavori ma anche queste piccole esperienze!! Ciao!! Buona serata!!
      Carmela e Davide

      Elimina
  9. peccato però x il finale della storia.....era iniziata così bene!
    ma la natura è così: vince (e prospera) il più forte.
    buona giornata
    marta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marta!! Abbiamo accolto questa nidiata come un dono, riservandole tutte le attenzioni...
      non potevamo prevedere la sua evoluzione..., pazienza!! La mattina sentiamo spesso in lontananza il canto dei cardellini adulti... per loro l'estate è ancora lunga...,
      Grazie del tuo passaggio!!! Buona serata!!!
      Davide e Carmela

      Elimina
  10. Che tenerezza quei beccucci spalancati e che peccato per l'epilogo triste dei due piccini... ma la natura è anche questo.
    Bellissime foto e bel resoconto dei loro primi giorni. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione,cara Daniela,possiamo solo aiutare in parte...Un Abbraccio affettuoso..
      Carmela e Davide

      Elimina